VISITARE POMPEI ED ERCOLANO

POMPEI

Gli scavi archeologci

Mobirise the best free website builder

 

È in assoluto il sito archeologico più visitato della penisola. La distesa di rovine della città sepolta nel 79 d.C. dall’eruzione del Vesuvio conquista da sempre turisti da tutto il mondo. Come gli antichi pompeiani, si potranno percorrere le strade lastricate e solcate dai carri romani; si potranno visitare gli edifici che scandivano la vita pubblica della città, come il Foro, le Terme e l’Anfiteatro; oppure si potrà passeggiare nei complessi architettonici dei Teatri e del Mercato cittadino. La villa dei Misteri o la casa del Fauno sono tra le testimonianze artistiche più belle dell’antichità. E tra i banchi delle botteghe e le case private, rivivremo gli usi e i costumi dell'epoca.

È in assoluto il sito archeologico più visitato della penisola. La distesa di rovine della città sepolta nel 79 d.C. dall'eruzione del Vesuvio conquista da sempre turisti da tutto il mondo.

 

  Parzialmente accessibile     Non accesibile    

 Possibilità di scelta: half day, max 3 ore; full day, max 7 ore


PRENOTA LA TUA VISITA GUIDATA A POMPEI

CONTATTAMI



ERCOLANO

Gli scavi archeologici

 

La città romana di “Herculaneum” sorgeva alle estreme pendici del Vesuvio. Distrutta dall’eruzione nel I secolo d.C., che la sommerse per circa 25 metri e spostò di 500 metri la linea di costa, deve alle modalità del seppellimento la sua celebrità. Rispetto a Pompei, infatti, ad Ercolano si sono conservati perfettamente anche i piani più alti degli edifici, e non solo; tramezzi a “graticcio”, infissi in legno e mosaici “parlano” ancora della vita quotidiana degli antichi abitanti. Basta varcare l’ingresso e ammirare la città sepolta sotto i nostri piedi per essere rapiti dalla magia del sito. Un viaggio suggestivo e unico al mondo; un viaggio di 2000 anni indietro nel tempo.

La città romana di "Herculaneum" sorgeva alle estreme pendici del Vesuvio. Distrutta dall'eruzione nel I secolo d.C., che la sommerse per circa 25 metri e spostò di 500 metri la linea di costa, deve alle modalità del seppellimento la sua celebrità.

 

  Parzialmente accessibile     2 ore e mezza circa


PRENOTA LA TUA VISITA GUIDATA A ERCOLANO

CONTATTAMI



OPLONTIS

Villa di Poppea Sabina

 

È la villa più grande di età romana finora conosciuta, ornata da splendide pitture in II stile, perfettamente conservate. Un'iscrizione posta su un'anfora ritrovata faceva riferimento a Poppea Sabina, seconda moglie di Nerone. L'impianto della villa è articolato tra portici, terrazze, ambienti residenziali ed un notevole impianto termale. Grandiosi sono i locali destinati al riposo, grazie ad una ricca decorazione parietale con affreschi raffiguranti vedute prospettiche, animali, cesti di frutta, e colonne dipinte. All'esterno è possibile ammirare la piscina, la cui grandissima vasca (61 x 17 m) presenta alcuni accorgimenti tecnici che ne facevano uno dei più belli esempi di struttura destinata alla cura del corpo.

È la villa più grande di età romana finora conosciuta, ornata da splendide pitture in II stile, perfettamente conservate. Un'iscrizione posta su un'anfora ritrovata faceva riferimento a Poppea Sabina, seconda moglie di Nerone.

 

  Parzialmente accessibile     1 ora circa


PRENOTA LA TUA VISITA GUIDATA A OPLONTIS

CONTATTAMI



STABIA

Villa San Marco*

 

Un piccolo viale, quasi nascosto, porta al suggestivo ingresso della villa San Marco, edificata nella prima età augustea. Impostata attorno a due peristili, la lussuosa residenza asseconda l’andamento della collina, con gli ambienti più rappresentativi in posizione panoramica sul mare. Aveva anche un proprio impianto termale, ancora oggi visibile nelle strutture, e una cucina perfettamente conservata. Una grande porzione della superficie della villa è occupata dal giardino, che si distende a partire da un monumentale ninfeo. Di altissimo livello è l’affresco che decora la diaeta (sala per il riposo) al termine del portico laterale orientale, con le rappresentazioni di Perseo e Cassandra.

*Possibilità di abbinare Villa Arianna, distante da Villa San Marco poche centinaia di metri.

Un piccolo viale, quasi nascosto, porta al suggestivo ingresso della villa San Marco, edificata nella prima età augustea.

 

  Parzialmente accessibile     1 ora circa


PRENOTA LA TUA VISITA GUIDATA A STABIA

CONTATTAMI



BOSCOREALE

L'Antiquarium

 

Nell’Antiquarium sono esposti numerosi reperti di diverso genere, rinvenuti sotto la coltre di cenere e lava che ricoprì Pompei ed Ercolano nel I secolo d.C. Ritrovati spesso in eccezionale stato di conservazione, questi antichi oggetti hanno permesso di capire il tenore di vita, gli usi e costumi degli abitanti di questo territorio in età romana. Sorprendenti sono la pagnotta di pane carbonizzata, o i resti del garum ancora intatti contenuti in un’anfora; oppure il calco in gesso di un maiale, il cui scheletro è riemerso in una villa rustica a Boscoreale, o ancora il famoso calco del cane rinvenuto a Pompei, sul quale è visibile il collare che gli impedì di fuggire durante l’eruzione. 

Nell'Antiquarium sono esposti numerosi reperti di diverso genere, rinvenuti sotto la coltre di cenere e lava che ricoprì Pompei ed Ercolano nel I secolo d.C.

 

  Accessibile     1 ora


PRENOTA LA TUA VISITA GUIDATA ALL'ANTIQUARIUM DI BOSCOREALE

CONTATTAMI



COMPLETA IL TUO ITINERARIO

Scegli una visita guidata a Paestum o a Napoli

FOLLOW US!

                      
simple wysiwyg web site development software download

LEGGI LE RECENSIONI SU

PARTNERSHIP